martedì 22 novembre 2011

Giochi di cartone e riflessioni

Ieri sarei dovuta andare fuori Venezia a spasso per centri commerciali alla ricerca di varie cose, una di queste un fornello elettrico da usare sulla terrazza di casa, ottimo sistema per non riempirsi la casa di odori troppo forti... specie se la cucina è un open space (mi piace open space, in realtà abbiamo buttato giù un muro per unire salotto e cucina e guadagnare posto per un tavolo!).

Però in realtà siamo rimasti a casa, con la nebbia che c'era non ci andava proprio di affrontare il viaggio.
Sì. perchè uscire dall'isola per raggiungere i centri commerciali è proprio un viaggio:
35minuti di ferryBoat (e ti devi presentare là almeno mezz'ora prima), mezz'oretta per raggiungere il luogo designato e poi, al ritorno, sperare di risalire sul traghetto designato senza restare a terra per troppa coda :(

Quindi alla mattina ci siamo recati a Venezia per la Madonna della Salute al pomeriggio ci siamo dedicate a giochi casalinghi.
Così da una cassetta in cartone di quelle dell'insalatina da taglio, ho ricavato un fornello elettrico con ben 4 piastre ;) quello che avrei voluto per me ne aveva solo una!


vi serviranno:

  • una scatola in cartone
  • pennelli e tempere
  • cartone da scatolone
  • forbici
  • cola vinilica
L'idea di incollare più strati di cartone per rendere gli oggetti più resistenti, o per creare uno spessore maggiore, l'ho avuta da Mamma Claudia che ha costruito moltissimi giochi in cartone per il Topastro.

Dopo aver dipinto la cassetta per coprire le scritte, ho ritagliato dal cartone di uno scatolone le sagome per le piastre (2 dischi ciascuna) e quelle per le manopole (4 dischi ciascuna).


Le manopole sono fissate alla cassetta con dei ferma campioni in modo che possano ruotare e rendere il gioco più verosimile.


Stavo riflettendo sul fatto che , i giocattoli fatti in casa hanno insegnato alle mie figlie ad aver cura degli oggetti. 
C'è stato un momento in cui i giochi si rompevano o perlomeno si danneggiavano, appena arrivati, a causa dell'incuria o dell'irruenza con cui venivano usati.
Questa cosa mi faceva imbestialire, non capivo come le mie bambine non apprezzassero la fortuna di possedere i giocattoli desiderati. Naturalmente i giochi rotti o danneggiati non venivano sostituiti e i regali cominciarono a diminuire. I regali dall'esterno, perché da noi i regali arrivano solo per le feste comandate (Natale e compleanno) per il resto dell'anno solo libri e materiale "creativo".

Un giorno, a casa di un'amica, ho visto una casetta fatta con un espositore di cartone. Nulla di speciale, ma mi ricordavo di aver visto la mamma portare a casa quell'espositore oltre un mese prima e la casetta faceva ancora bella mostra nella cameretta, i bambini ci avevano giocato tanto ma ne avevano avuto cura.

Fu così che mi venne l'idea di creare giochi "poveri" e anche più delicati di quelli comperati, per insegnare alle mie figlie ad aver cura delle loro cose.
Partecipare alla costruzione dei giochi o anche solamente guardare e attenderne la "nascita" ha insegnato alle mie figlie ad avere rispetto degli oggetti che possiedono.
Così in questi anni abbiamo creato molti giocattoli, un tirocinio che ci è tornato utile quest'estate con il progetto di Appuntamenti CreAttivi durante il quale ci siamo sbizzarrite nella costruzione di accessori per la Barbie

Dopo un paio di mesi ho dovuto buttare la casa della Barbie perché lo scatolone cominciava ad emanare un odore fastidioso (sarà stata anche la mia allergia, tossivo ogni volta che entravo nella stanza) ma era ancora intatta e le bambine ci avevano giocato tantissimo!

Missione compiuta!

9 commenti:

  1. Straquoto: pochi giochi, creativi, fatti con materiale riutilizzato. Che poi, diciamocelo, si divertono di più con il bussolotto del latte vuoto che con un gioco griffato da 50 €.
    Questo fornellino mi ricorda una coppia di amici che, a causa di una incomprensione con il mobiliere, si sono sposati con la casa completamente senza mobili. Come "scherzo" l'abbiamo riempita di mobili di cartone, centrini di carta, origami come soprammobili.

    RispondiElimina
  2. Perchè non organizzi una spaghettata? Davvero carino, merita anche lui la mia lavagna "Scatole di cartone" su P. Se non ti scoccia ovviamente!

    RispondiElimina
  3. Grazie in anticipo! Volevo costruire anche io una cucina in cartone per lo Gnomo e mi hai dato un sacco di suggerimenti!!! Hai ragione, mio figlio è un distruttore, ma i giuchi che abbiamo fatto insieme sono qulli che hanno resistito di più!

    RispondiElimina
  4. Grazie per la citazione :-)
    La vostra piastra per cucinare è bellissima! Anche io sono convinta che i giocattoli creati con materiale di recupero e soprattutto insieme ai bimbi, insegnino loro la cura per le cose. Topastro raramente ha distrutto oggetti che abbiamo creato insieme anche se è normale che con il tempo questi si rovinino visto che sono fatti di carta o altri materiali che non sono destinati a durare per sempre. Ma anche questa è una buona cosa, prima o poi si buttano e se ne fanno di nuovi.

    RispondiElimina
  5. @El_Gae: ma dai, che bella idea!

    @mammozza: attenta che ora mi gaso ;)

    @CartaCanta: ma preego ^__^ le mie figlie hanno richiesto anche il forno "sennò le trote dove le facciamo?" quindi ora sto pensando a come fare... stay tuned!

    RispondiElimina
  6. Ciao, ho progettato un stanza giochi per 2 bambine interamente in cartone, ovvero arredi, giochi, contenitori, scenografie e decori. Mi farebbe piacere mostrarvela qui : www.andreabrugnera.it/portfolio/stanza-giochi-cartone/

    Grazie per l’attenzione, ciao !

    RispondiElimina
  7. Veramnete carina la cucinina!!! la farò sicuro con le mie bimbe..grazie :0)

    RispondiElimina
  8. But cure tennis elbow free nowadays, the country pop star has gotten a.

    Always brush toward the heart. Auxilium has three projects cure tennis elbow free in clinical development.
    Microcurrent Therapy for Cellulite The Smooth Synergy Cosmedical
    Spa in NYC scrubs your skin down with a waist-whittling gel with
    energy-releasing amino acids. These results are temporary, lasting
    up to a 50% reduction in the appearance of cellulite.
    The widely marketed para-hydroxybenzoic acid esters are methylparaben, ethylparaben, propylparaben, isobutylparaben, butylparaben, and benzylparaben.


    Review my webpage tennis elbow relief

    RispondiElimina
  9. Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as though you relied
    on the video to make your point. You definitely know what youre talking
    about, why throw away your intelligence on just posting videos to your blog
    when you could be giving us something enlightening to read?



    Feel free to visit my weblog; tagesgeldvergleich ing diba

    RispondiElimina