venerdì 30 marzo 2012

Il venerdì del libro: Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

Per il suo compleanno Chiara ha ricevuto questo bel libro dalla sua compagna di classe Linda.
Lei già era felice di aver ricevuto un libro piuttosto che una borsetta (pare che all'altra bambina sia toccata una borsetta della famosa Kitty), quando poi ha saputo che anche io avevo letto quel libro anni fa, ne è stata ancor più felice.

Ecco qui a confronto i due libri, quello con la copertina azzurra risale al 1996...


All'interno le stesse figure, solo che ora sono a colori e le pagine sono patinate!
Inoltre, in questa edizione sono presenti delle note a piè pagina.
Alcune riportano alla cartina geografica alla fine del libro, per capire dove siano situati i luoghi citati.
Altre spiegano alcune parole particolarmente difficili per un bambino (dissertazione) oppure nomi di animali (capodoglio) oppure di persone famose (Vivaldi)

Alla fine del libro ci sono degli approfondimenti e anche dei giochi e delle domande per testare la comprensione del testo da parte dei piccoli lettori!


"Promettimi che non mangerai l'uovo"
stridette aprendo gli occhi.
"prometto che non mangerò l'uovo"
ripeté Zorba.
"Promettimi che ne avrai cura finché non sarà nato il piccolo" 
stridette sollevando il capo.
"Prometto che avrò cura dell'uovo finché non sarà nato il piccolo".
"E promettimi che gli insegnerai a volare" 
stridette guardando fisso negli occhi il gatto.
Allora Zorba si rese conto che quella sfortunata gabbiana non solo delirava,
ma era completamente pazza.
"prometto che gli insegnerò a volare. E ora riposa, io vado in cerca d'aiuto"
miagolò Zorba balzando direttamente sul tetto. 




13 commenti:

  1. Che bello che una bimba preferisca un libro ad una borsetta. Non è detto che il mondo vada male, se questo è il futuro. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tempo fa ha anche preferito un libro ad un animaletto per la barbie veterinaria... fa ben sperare!

      Elimina
  2. Devo leggere questo libro. DEVO! Ho apprezzato il film di D'alò....non so se è veramente fedele al libro, comunque a me piacque molto.
    Ora mi manca il libro...e come dicevo DEVO colmare la lacuna appena posso.
    Un bacione carissima e un plauso alla tua Chiara che si dimostra già un buona lettrice in erba:.-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho visto il film, il libro è intenso e non è una lettura facile per una bimba di prima elementare, lo stiamo leggendo assieme. Un pezzetto lei è il resto del capitolo io... un po' e un po'...e Anna ascolta ;)

      Elimina
  3. Mi piace medio. Molto di più il cartone che ne è stato tratto, devo dire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrò vedere il cartone, tutti ne parlano bene!

      Elimina
  4. Devo ammettere di aver acquistato il libro per Tommaso ma di non aver mai finito di leggerlo!
    Ciao
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che nio me lo volevo rileggere in spagnolo ^_^

      Elimina
  5. La mia ama questo cartone, sarebbe bello che conoscesse anche il libro.
    Il cartone a me piace è fa parte di una piccola collezione di animazione italiana. Sono sempre in ricerca di cartoni italiani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E questo è il terzo commento che cita entusiasticamente il cartone: devo provvedere!

      Elimina
  6. A noi piace molto questa storia. Ho letto il libro alle mie figlie (noi abbiamo quello con la copertina azzurra) dopo averle portate al teatro a vedere una rappresentazione della storia. Il Cartone gli era piaciuto ma non quando vedere la storia dal vivo.
    Mi permetto di linkarti il post che scrissi su questa bella storia
    http://prioritaepassioni.blogspot.it/2012/01/piu-teatropiu-valori.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto il tuo post, che bello andare a teatro con i bambini!

      Elimina
  7. Splendido, io ho il primo e avevo promesso di leggerlo ad Alice, ma non lo trovo più... credo che sia ancora in qualche scatolone... grazie di avermelo rammentato

    RispondiElimina